I 2004 stendono anche il Santo Stefano Ticino

Per uno strano scherzo del destino, nel campionato iniziato a febbraio, i ragazzi del 2004 del San Vittore Olona, fino ad oggi, si sono trovati ad affrontare, di volta in volta, prima le squadre che erano immediatamente avanti (Victor Rho e Uboldese), poi quelle che stavano subito dietro (Magenta, Saronno, Santo Stefano Ticino). Un continuo e ripetuto scontro al vertice, tanto che papAi?? Larice su WhatsApp, il giorno prima della partita, non nasconde la tensione logorante di una tale condizione, peraltro piA? che comprensibile per chi era abituato a frequentare ben altre posizioni di classifica. Come un cecchino infallibile ed implacabile, i ragazzi terribili guidati dalla coppia Croci-Zambon hanno regolato e liquidato i diretti avversari senza distinzioni o favoritismi, con vittorie inequivocabili, spesso ben piA? nette di quanto il risultato sul campo lasciasse intendere. Il malcapitato di turno A? stato il Santo Stefano Ticino, presentatosi a San Vittore in tenuta completamente blu e con il sostegno di un numero assai consistente di rumorosi e concitati sostenitori. Su un terreno tutto sommato in buone condizioni, nonostante le abbondanti piogge, il San Vittore parte con il piede giAi?? pigiato sullai??i??acceleratore come a voler subito sbrigare la pratica e chiude nella propria metAi?? campo gli ospiti che paiono piA? che altro attenti a non volerle prendere, tanto che qualcuno, evidentemente ancora scottato dal risultato della sera precedente, commenta preoccupato: ai???Pare di vedere la Spalai???. Il San Vittore perA? non A? ai??i?? la Juventus di sabato sera e dopo una prima occasionissima capitata sui piedi di Denny per cui tutti, in collinetta, stavano giAi?? gridando al gol, verso il ventesimo trova puntuale la rete del vantaggio. Tommaso ruba palla a centrocampo e lancia Matteo che poi passa il pallone a Valerio che fa partire un preciso e splendido tiro a pallonetto che scavalca imparabilmente il portiere avversario. Lo svantaggio scuote gli ospiti che provano ad imbastire qualche azione dai??i??attacco, ma a parte una decisa uscita di Ivan che in area stoppa sul nascere un potenziale tiro pericoloso, non riescono mai ad essere veramente incisivi. Il San Vittore invece nelle ripartenze mette spesso in subbuglio la retroguardia ospite. Proprio allo scadere del tempo, da un calcio di punizione battuto da Christian Montemurro e non trattenuto dal portiere avversario, Denny come un falco si avventa e realizza il raddoppio. Ad inizio ripresa, gli ospiti accorciano subito le distanze con un cross quasi da centrocampo trasformatosi nel classico tiro della domenica che si infila allai??i??incrocio dei pali. La rete galvanizza soprattutto la tifoseria ospite che, come se non bastasse il mister particolarmente esagitato e turbolento in panchina, incita i propri ragazzi in modo sempre piA? assordante e chiassoso, reclamando troppo spesso, senza vere ragioni, falli ed ammonizioni, tanto da far perdere la pazienza anche al buon assistente Angelo e a costringere alcuni genitori locali a spostarsi dalla parte opposta della collinetta. A ristabilire lai??i??ordine e le distanze ci pensa Marco che, sfruttando un perfetto assist di Denny, piazza il gol della sicurezza e con ottimo tempismo zittisce i tifosi ospiti, spegnendo le possibili e remote speranze di una fantomatica remuntada. Il Santo Stefano Ticino prova a imbastire una reazione, ma al di lAi?? di un paio di contropiedi che avrebbero meritato miglior fortuna, in porta Ivan blocca sempre con sicurezza i timidi tentativi offensivi avversari ai??i?? anche quelli in fuorigioco. Anzi capitano proprio al San Vittore le occasioni migliori per arrotondare il punteggio. Prima una punizione di Davide, poi un bel tiro angolato di NiccolA? deviato in corner con tuffo plastico dal portiere ospite, quindi unai??i??occasionissima per Matteo che non sfrutta a dovere un altro prezioso assist di NiccolA? e trovatosi a tu per tu con il portiere avversario calcia alto, infine Tommaso che arriva con un attimo di ritardo su un altro millimetrico cross di NiccolA?, in autentica giornata di grazia. Sul finire, mentre papAi?? Cauchi, a bordo campo, con perenne sigaretta in bocca, si sbizzarrisce incontenibile per ogni intervento falloso sul figlio Matteo (uno dei quali, almeno, avrebbe meritato il cartellino giallo) il Santo Stefano Ticino prova a guadagnare qualche punizione nei pressi dellai??i??area ma senza successo. Il sottoscritto si lascia scappare il commento che comunque, nella peggiore delle ipotesi, a noi potrebbe bastare anche un pareggio, ma vengo giustamente zittito da Daniele che, con la solita flemmatica luciditAi?? tecnica, mi convince senza troppa fatica che lai??i??unico risultato accettabile per come si A? sviluppata la partita A? la vittoria del San Vittore. E cosAi?? avviene. Al triplice fischio finale i ragazzi si abbracciano soddisfatti per lai??i??ennesimo meritato successo, mentre uno scatenato papAi?? Montemurro che per tutto lai??i??incontro, come gli altri genitori, ha subito in silenzio le grida un poai??i?? fuori luogo e sopra le righe dei tifosi ospiti, si fa megafono per i supporters locali e urla a squarciagola ai???Siamo in fugaai???, a sancire una vittoria che, rispetto alle precedenti, proprio per le condizioni ed il contesto in cui A? maturata, ha un sapore ancora piA? dolce e godurioso. E quasi a dare seguito alle parole di Simone, il mattino dopo, il giornale Sprint e Sport (a proposito, nella top 11 della settimana, cai??i??A? il super capitano Davide Larice), a commento dei risultati di giornata, titola ai???Lai??i??Olona spicca il volo.ai???

  http://xaynhamay.com/2018/02/15/order-tofranil-for/ http://columnu.com/archives/11168 http://isentinel.biz/?p=13481

Precedente ESORDIENTI A 11 - ANNO 2005 - BIENATE MAGNAGO - C.G. SAN VITTORE OLONA Successivo ALLIEVI 2002/VANZAGHELLESE --- SAN VITTORE OLONA= 0-3